Functional Training Manifesto

Mi rendo conto che si è già parlato di quest’argomento, ma dato che l’allenamento funzionale è la moda del momento, preferisco continuare a battere il ferro finché è caldo e continuare a parlarne, è quasi diventato il mio pallino, l’allenamento funzionale è diventato la mia nemesi per eccellenza.

Per alcuni magari queste sono cose ovvie, ma per moltissime altre persone no.
Dato che sto collaborando in vari progetti con l’Accademia Italiana della Forza ho deciso di prendere una settimana di “respiro”, almeno sul blog, per trattare di un argomento che mi è piuttosto caro.

Molti si saranno accorti che qui sopra, oltre a “Home” e “Chi sono io” è comparso anche “Cos’è Prudvangar”. L’idea mi è venuta grazie a facebook, per via della pagina che ho creato per diffondere il mio blog. Le pagine di facebook hanno una pagina di benvenuto che permette di esporre il riassunto della propria pagina, mi sono trovato un pò in difficoltà quando ho dovuto compilare la mia.

Essere giovane non aiuta, anche essere senza “titoli” non aiuta, perché ci sono alcuni che dicono di gente ben più competente di me che “dovrebbe pensare a fare il suo lavoro e lasciare a quelli piu competenti in materia questi argomenti”  e se lo dicono di certe persone figuriamoci di me.
Il problema è che questi più competenti in materia sono complessivamente pochi, molto pochi e per questo continuerò nel mio piccolo, ma allo stesso tempo grande, intento, di mostrare come il “funzionale”, citando Fantozzi sulla corazzata Potemkin, è una cagata pazzesca. Voglio dire, ora esporrò le motivazioni per cui affermo ciò, mi sembrano più che legittime, come mai i competenti le ignorano?

Lunedì scorso, mentre mi annoiavo particolarmente dato avevo finito di studiare e cercavo qualcosa da fare, così dal nulla mi sono messo a fare delle immagini molto simili ai “demotivational”, ma riguardanti l’allenamento.
Le “demo” sono immagini con un significato preciso create per motivare le persone ad ottenere di più, o, più che mai come in questo caso, a pensarla in modo diverso sulle cose, alcune sono invece semplicemente ironiche.

Ho deciso di pubblicare una piccola serie di immagini, 36 in tutto, riguardanti l’allenamento funzionale, perché sinceramente sono stufo che ci sia una tale commercializzazione di una stronzata simile.

L’allenamento funzionale viene definito come quell’allenamento che si pone l’obiettivo di rendere più forte l’uomo nel quotidiano o di esaltare le funzioni per cui l’uomo è creato. Vedo che vengono venduti libri, fatti corsi per personal trainer che basano completamente loro stessi su questa boiata del funzionale e ho deciso, anche se in modo scherzoso, di cercare di fare aprire gli occhi e quale mezzo migliore di facebook?
Il fatto che queste mie tavole abbiano avuto successo (e facebook è decisamente crudele per quanto riguarda i consensi) è una grande soddisfazione, perchè vuol dire che le persone stanno aprendo gli occhi e, soprattutto, concordano su quello che dico

Nel corso dell’articolo ne linkerò alcune, se avete facebook potete trovare l’album nella mia pagina, basta cliccare qui in alto a destra per trovarla.

PARADOSSO #1

La prima che ho creato si basa sulla definizione più “quotata” dai vari personal trainer, istruttori etc.. di allenamento funzionale. Lo scopo dell’allenamento funzionale è di rendere più forti nella vita di tutti i giorni.
Perfetto diranno alcuni, ma qual’è la vita di tutti i giorni? Dato che l’uomo si è evoluto, per fortuna, la vita di tutti i giorni non consiste più nell’alzarsi per andare a caccia e correre inseguendo mammut, ma per alzarsi e andare a lavoro. L’uomo di oggi è diventato sedentario.

Le attività di tutti i giorni non hanno bisogno di essere allenate, ne deduciamo che frasi come “il movimento funzionale è un movimento più o meno simile a quello della vita quotidiana” sono insensate, a meno che l’allenamento non preveda di sollevare forchette appesantite, boccali di birra da 10kg e alzarsi dal water con il nostro peso sulle spalle.

L’allenamento in funzione della vita di tutti i giorni NON esiste: l’uomo è fatto fare il meno possibile spendendo meno energie possibili. Ne sono la prova il fatto che sia incredibilmente facile ingrassare (mettere via riserve energetiche) e difficile mettere massa muscolare e quando la si mette, il corpo fa di tutto per toglierla perché avere massa muscolare implica spendere energia per mantenerla il corpo non vuole spendere energia.

Sotto il profilo “funzionale”, cioè come cosa utile nella vita quotidiana, il corpo sarebbe ben felice di non fare assolutamente niente. Il profilo salutistico sul non fare moto è un altro discorso.

PARADOSSO #2
Dato che la vita di tutti i giorni è imprevedibile, allora anche l’allenamento deve esserlo.

A tal fine sono stati creati moltissimi e svariati attrezzi per riflettere le varie attività quotidiane.

Purtroppo non funziona così. Il “functional” s’è proposto come panacea di tutti i mali: allena la forza, allena l’agilità, allena la resistenza, allena tutto. La verità è che non è così.

Funzionale significa che ha transfer, se una cosa deve avere transfer significa che deve essere utile alla pratica che svolgiamo. Ogni cosa è funzionale ha sé stessa, ma ci sono cose che permettono di essere tralsate anche su altro. Allenarsi con un bilanciere o con un KT in modo serio e con dei carichi seri permette di sviluppare abilità che possono essere traslate, ruotare come dei pirla con una palla da 5kg è inutile, così come tirar su e giù un kettlebell da 16kg. Pesi 80kg? O punti ad allenarti con 2 kt da 32 o non ti stai allenando seriamente. Così come se pesi 80kg, almeno 1.5 di panca dovresti farlo.

La curva della crescita del fitness è immediata sul breve periodo, poi tende sempre di più allo 0. La curva di crescita dell’allenamento è al contrario. parte lenta e poi va sempre più in alto.
Non esistono attività miracolose, non esistono attrezzi miracolosi, c’è l’allenamento “serio” e le capacità che ne derivano di essere forti altrove. Il resto è fitness/moda.

Il punto è: cosa è funzionale?
Lo abbiamo già detto più volte, è già stato detto da me, è già stato scritto da altri:

La vera idea di funzionale è identica al principio di estrapolazione di Sheiko: capacità neuromotoria di risolvere problematiche attingendo dall’esperienza”. L’unica cosa che permette di farlo è allenare l’esplosività, l’attrezzo è irrilevante, ora invece ci si fonda solamente sull’attrezzo e sugli usi più astrusi che si possono ottenere da questo, ma non solo, ci si dimentica totalmente dell’approccio al carico, che è una delle poche varianti fondamentali: tecnica base –> carico allenante –> attrezzo

Giovedì prossimo sul sito dell’Accademia Italianana della Forza uscirà un mio articolo a riguardo, riprendendo le fila del mio ultimo articolo su rawtraining ed esponendo una reale programmazione funzionale, che si basa quindi sulla tecnica base degli esercizi fondamentali, eseguiti con un carico allenante e quindi con l’attrezzo che abbiamo a disposizione. L’attrezzatura disponibile è solo l’ultima variante, senza una tecnica e senza carico non ci può essere allenamento. Stay Tuned!

Annunci

8 commenti

  1. grande!! sono d’accordo su ogni punto. il funzionale è una vera e propria modo come lo è stato il body building 20 anni fa e il fitness.
    ovviamente tanti trainer anche titolati (non tutti, io ad esempio no) lo possono rivendere benissimo perchè è semplice da proporre, perchè va di moda e perchè gli investimenti non sono certamente alti.
    il fatto che venga proposta indiscriminatamente a tutti, atleti e non, senza tener di conto delle esigenze individuali fa capire quanto sia bassa la cultura fisica in italia.
    compliementi per l’articolo, manuele

  2. Anche io concordo con ciò che hai scritto nell’articolo, e sono pienamente convinto che l’unico stimolo funzionale sia la forza (nelle sue varie forme). A partire dalla sciura Maria 50anni che si allena per stare meglio per arrivare all’atleta evoluto che si deve allenare per progredire nella sua disciplina, naturalmente scindendo le due tipoliogie (ma questo era scontato).
    ciao

  3. giusto ieri sera ad una conferenza di fisiatri si parlava di quanto spesso arrivano casi di stiramenti e strappi al polpaccio fatti da persone non allenate in situazioni di piccoli scatti per non perdere l’autobus… che il funzionale commerciale sia una stronzata non ci sono dubbi… ma il funzionale che intendo io è buttare in cantina il 90% di quel grande business che sono le macchine da palestra e far muovere la gente a corpo libero e con carichi liberi… se questa è una stronzata allora io sono uno stronzo.. e lo sono volentieri

    1. Certo io non ho dato dello stronzo a nessuno Roberto 😀

      Dipende tutto dalla premesse con cui si fa muovere la gente e, soprattutto, come, il resto è secondario! Muovere la gente a corpo libero e con carichi liberi. Praticamente come mi alleno io, alterno kettlebell (ghirisport) a bilanciere (Powerlifting) e corpo libero (non skills, ma volumi altissimi di esercizi base, come piegamenti o trazioni). Tutto sta nel come. Il come può essere un modello che parte dal soggetto per metterlo in salute, un modello che punto a rendere forte il soggetto o un moodello che mira a fantomatiche qualità quotidiane ed allenamenti “funzionali” che imitano presunte situazioni irreali di tutti i giorni 🙂

      1. Guarda io mi incazzo tutti i giorni a vedere i superman dell’allenamento funzionale per poi vedere video in cui sti tipi urlanti e sudati si alzano 8 kg di kettlebell.
        Purtroppo la commercializzazione di questo tipo dell’allenamento neha rovinato il principio.
        Io ho aperto una palestra nel 2009 dove eravamo in 3 in italia a praticarlo, in cui ci si allena solo così e nella quale ho preparato un master of sport in ghiri, un altro ragazzo alle gare e in cui ho fatto muovere e migliorare parecchie persone.
        Ma nella realtà di quella palestra esiste anche la signora di 50 anni a cui non posso chiedere “anche se potrebbe farlo” di snatcharmi con il 16 kg, mi guarderebbe male, le farei venire i calli alle mani e avrei perso il cliente. Per quella signora devo inventarmi il trx e la palla medica e il kb da 6 kg… ma è cmq molto più di quello che farebbe in un altra palestra con una leg curl!
        E quindi, perdonami se sono stato un po… raw.. 😉 ma vedere le tue, tra l’altro simpatiche foto, dove mi metti il tipo sul cesso come attività funzionale mi fa un po’ incazzare.
        Perchè la signora di 50 anni, quando alzerà il nipote di 8 anni che pesa 20 kg sarà soggetta a sentire la schiena indolenzita con un merdosissimo allenamento fatto a suon di musica di step, idem se alza i vasi dei fiori per portarli nel balcone.
        Proprio perchè sono poche le nostre attività quotidiane, sono più rischiose quando ci capitano… e da qui ” allenamento funzionale” ma potremmo chiamarlo come preferite.. a me oramai quel nome fa schifo e non lo posso più sentire… e da quando ho visto lo sponsor del Crossfit in tv mi fa ancora più cagare.
        Troviamo un nome alternativo.
        In ogni caso seguo il tuo blog, su consiglio dell’amico Biasci e complimenti

      2. ahah ma sì il tipo è sul cesso perché perché quella è un’attività quotidiana 😀 La mia critica va a quelle cose assurde come il sollevare una ruota o fare tutto con i kettlbell perché, per qualche strano motivo, sono funzionali!
        Che poi ci si debba vendere è verissimo, alla fine il trucco sta nel mettere i metodi intelligenti mettendoli in pratica in modo da essere accessibili a chiunque! Cosa non facile.. Vendere cose intellingenti in pratica, attraversi mezzi interessanti.

        Ho capito quello che dici, mi trovo d’accordo, così come anche a me sono cadute guardando il video del crossfit! Grazie per i complimenti 🙂

    2. Esatto! Qua pensano tutti che funzionale siano due cazzate buttate lì..
      A parte il fatto che nella foto con i TRX già la partenza è sbagliata.
      Ma continuate pure ad usare chest press e leg press, tanto siete contenti così e state bene bell’ignoranza

  4. Ciao Leviatano89, il tuo blog lo trovo molto interessante e lo seguo spesso; purtroppo per te faccio parte della categoria funzionale xD …ma c’è da dire che ruote di trattori e altri oggetti strani non li uso, faccio molti esercizi di base,un po di corpo libero e squat, panca e stacchi sono legge nei miei allenamenti. Posso dirti che non li trovo così indegni, anche perchè con quel che faccio ho notato che non mi discosto molto da allenamenti che fanno sportivi di ogni sorta, soprattutto atleti che praticano sport da combattimento come boxe o mma.
    Il mio intento non è mai stato quello di avere il fisico da spiaggia super definito, ma quello di migliorare complessivamente le mie qualità fisiche(potenza, resistenza etc.)…Il primo giorno che il mio trainer mi propose questo tipo di allenamento ero contentissimo, sentii che non stavo più lavorando per aumentare il volume di uno stupido muscolo, ma per migliorare complessivamente le mie qualità fisiche(sarà che vengo dalle arti marziali e dal kung-fu e il duro lavoro e il milgioramento dell proprie capacità fisiche è sempre stato un pallino).
    La ricerca nella perfezione dell’esercizio da parte mia è pressochè maniacale tanto da aver acquistato “tecnica di allenamento con i pesi” di McRobert(purtroppo gli allenatori nelle palestre anche se bravi non possono starti sempre addosso a guardare ogni movimento che fai), quindi mi dispiace vedere certi video in cui la gente fa delle cose improponibili e che potrebbero facilmente mettere a rischio la propria salute…ma di cazzate ne fanno anche e soprattutto i body builder nelle palestre. Fra l’altro avendo fatto anche io per un certo periodo body building ho felicemente abbandonato le stupide macchine che erano spesso causa di dolori e altri problemi. Che dire, io non vedo il male nel crossfit come lo vedi te, infondo c’è un certo ritorno ad eseguire esercizi di base come snatch clean and press e altri che sono praticamente un ricordo lontano in qualsiasi palestra.Quindi perchè accanircisi così tanto contro??
    Mi scuso per eventuali errori con terminologie varie, ma non sono ancora un esperto.
    Saluti e ancora complimenti per il blog!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...