5 lezioni sul powerlifting da un monaco zen

Chi segue il blog negli anni avrà notato che ho preso una piega orientata verso le filosofie orientali, nello specifico orientata verso il buddhismo e lo zen. Girando su internet sono riuscito a trovare un articolo che unisce la meditazione all’allenamento e ho pensato di tradurlo e riproporlo. Come è ovvio, quello di cui si occupa quest’articolo è l’approccio mentale che si dovrebbe avere quando ci si allena, una mente “vuota”, concentrata e soprattutto scevra da pregiudizi.

Articolo tratto da barbend.com

Come monaco zen laico con la Kwan Um School of Zen e atleta di lunga data, mi ha entusiasmato vedere così tanti articoli sui benefici che la meditazione ha sugli atleti di forza. Ho anche tenuto discorsi sul Dharma (pensa al “sermone” ma più zen, meno Bibbia) proprio su questo argomento. Quindi potrebbe sorprenderti che questo non sia un altro articolo sui benefici della meditazione per chi si allena.

Questo articolo riguarda il buddismo Zen e le sue relazioni con il mondo della forza.

Innanzitutto, una rapida introduzione al buddismo Zen. “Zen” è una traduzione della parola sanscrita “Dyāna”, che significa “meditazione”. Come potrebbe suggerire il nome, il buddismo Zen enfatizza la rigorosa pratica della meditazione come mezzo per sviluppare la comprensione, invece di concentrarsi sull’apprendimento da qualche libro e sulla mera conoscenza astratta. Sei incoraggiato a interagire con leader esperti, ma fondamentalmente si tratta poco di ciò che hai imparato nei libri e di più di ciò che hai effettivamente sperimentato.

Gran parte di quella roba di mindfulness di cui hai sentito parlare proveniva dallo Zen – l’uomo spesso ritenuto responsabile del “Movimento di Mindfulness”, Jon Kabat-Zinn, era uno studente dei maestri buddisti Zen del Maestro Zen Seung Sahn e Thich Nhat Hanh.

Ad ogni modo, se lo Zen riguarda la meditazione e questo non è un altro articolo di meditazione, di cosa stiamo parlando? Bene, ti ricordi come ho detto che lo zen riguarda lo sviluppo dell’intuizione? Ecco di cosa parla questo articolo: quello che un maestro zen applica all’allenamento.

1 – La mente del principiante

“La mente di un principiante è aperta e interrogativa. La mente di un esperto è chiusa. “- Suzuki Roshi

Diamo una grande importanza alla conoscenza e le conoscenze. Studiamo, cerchiamo, facciamo domande: qual è il miglior programma? Cos’è meglio: sumo o convenzionale? Meglio fare un 5 set x 10 ripetizioni o un 10 set x 5 ripetizioni?F

Fermati un istante. Buttatelo via. Ritorna a zero: non puoi riempire una tazza già piena. Sii un principiante. Non necessariamente nel modo in cui ti alleni, ma nel tuo approccio a ciò che stai facendo in palestra e al modo in cui rispondi a un nuovo allenatore.

2 – Fallo e basta

Just do it. È un peccato che Nike abbia ripreso questa frase perché qui funziona bene. Nello Zen questo concetto significa qualunque cosa tu stia facendo, falla e basta. Nel lavare i piatti, lava i piatti. Durante la guida, pensa a guidare. Quando è il momento di fare stacco, pensa solo a fare stacco. Su Reddit c’era un post riguardante “cosa ascoltare per pomparsi prima di uno stacco”. La mia risposta è stata “solo pensare a sollevare”-

Un momento però, dobbiamo fare qualche precisazione. Prendiamo lo stacco come esempio. Se sculi durante lo stacco, “fallo e basta” non significa che devi tirar su pesi senza pensare agli errori che fai.

“Fallo e basta” significa “concentrati su ciò su cui devi concentrarti”. Non farti vagare la mente quando devi coinvolgere il tuo corpo. Significa anche “segui la tua programmazione”. Il che ci porta a…

3 – Siediti e stai zitto

Questa è una citazione di Brad Warner e di tutti gli autisti di autobus della storia.

Nel caso in cui tu abbia perso questo riferimento, è per la meditazione. Ogni volta che vado a parlare con la mia insegnante di Zen, lei mi chiede: “Come va la tua pratica?” Nel mondo della forza, chiedevo “Come va il tuo allenamento?”

Questa domanda ha lo scopo di farti fermare e fare un check della tua situazione. Non è necessario fornire una risposta. Invece, ascolta te stesso. Come va il tuo allenamento? Non dimenticare di fare il punto dei tuoi progressi e delle tue sensazioni tra gli allenamenti.

Le tue fondamenta devono essere forti. Sai cosa fare. Ora siediti e stai zitto.

4 – Interdipendenza

È arrivato il momento della storia: due monaci discutevano della bandiera del tempio. Uno diceva che la bandiera si fosse mossa, l’altra diceva che il vento l’aveva mossa. Il maestro zen li sentì e disse: “Non è né il vento né la bandiera a muoversi, ma la vostra mente che si muove.”

Questa storia è una buona rappresentazione dell’interdipendenza. Tutti e tre hanno torto, eppure tutti e tre hanno ragione. La bandiera che si muove nel vento è condizionata non da uno, ma da ciascuno di questi fattori, ed è la stessa cosa con le tue alzate.

Ricordi sopra quando ti ho fatto tutte quelle domande? Come atleta della forza, ci sono molti fattori che vanno a influenzare le tue prestazioni. Non è una sorpresa per quelli di noi che hanno sollevato pesi per un po ‘di tempo che cose come il sonno, lo stress e una corretta alimentazione possono avere effetti profondi sul nostro allenamento. Tutto è connesso. Tutto nasce da tutto il resto. Per l’atleta della forza, non c’è nulla che non sia allenamento.

5. KATZ!

(traduzione leggermente riveduta per ovvie questioni)

No, non è un errore di ortografia. Piuttosto è un grido che è descritto nelle storie di incontri Zen, che rappresenta una sorta di parolaccia.

Vieni colpito da un bastone? Katz! Il caffè è troppo caldo? Katz! Significa enfatizzare quel momento, l’unica cosa che esiste è il colpo. Tutti i “mi piace” e gli altri pensieri scompaiono. La mente è chiara e pensa solo al colpo, anche se solo per un breve momento.

Quello che sto dicendo è che dovremmo tenere a mente “Katz” quando solleviamo i pesi. Quell’unione di vuoto e concentrazione che viene quando sbatti il mignolo del piede o ti sei appena bruciato la bocca, quel momento in cui la sensazione è l’unica cosa che esiste per te. Questo è il tipo di mentalità di cui hai bisogno quando ti sollevi. Non dovrebbe esserci altro che l’alzata. Esiste solo l’alzata. L’alzata e l’atleta non sono più due, ma una cosa sola.

Conclusione

Ho tenuto molti discorsi sullo Zen e dove ritengo che siano più deboli è la conclusione. Mi è stato detto che la conclusione non è dire qualcosa agli ascoltatori, ma piuttosto sta agli ascoltatori elaborarne una. Quindi finirò così come finisco sempre i miei discorsi: grazie per aver praticato con me.

Blake Wilson A Kansas City, MO, native residing in Lawrence, KS, Blake Wilson is an ordained lay Zen monk (also known as a Dharma Teacher) with the Kwan Um School of Zen, an avid lifter with a focus on powerlifting, and a big ole geek. He has written on Zen for Elephant Journal and has delivered a multitude of talks on Zen and lifting. When not lifting or zenning, he teaches all aspects of legal research at the University of Kansas School of Law where he is a faculty librarian. He has a Bachelor’s in philosophy, a Master’s in information science, and holds a Juris Doctorate (J.D.).

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.