Alla forza non interessa

Nel mio vagare su internet sono finito a leggere il sito di Mike Tuchscherer e ho deciso di tradurre questa pezzo “motivazionale” perché l’ho trovato molto bello. Se qualcuno non sapesse di chi stiamo parlando, Mike Tuchscherer è l’inventore del motodo RTS, con cui allena dozzine di atleti in giro per il mondo e con cui lui stesso si allena. Pratica powerlifting dal 2001 e nel 2009 fu il primo americano a vincere una medaglia d’oro ai World Games, il massimo premio che si può ottenere nel powerlifting.  A Mike la parola:

Lo scorso mese di giugno, sono andato in Russia per i campionati del mondo IPF raw.

Ho incontrato uno degli atleti austriaci della categoria 120kg – Alex . Era veramente un bravo ragazzo e abbiamo fatto una bella chiacchierata sull’allenamento. Qualche settimana fa Alex mi ha scritto per farmi sapere che avrebbe fatto un viaggio e sarebbe passato vicino a casa mia, così si è fermato qui e ci siamo allenati . E’ stato davvero bello avere un compagno di allenamento, anche se abbiamo la tendenza a parlare troppo tra le serie.

Una delle cose di cui abbiamo parlato è stata la sensazione che si prova dopo essere stati ad una grande competizione. Per entrambi questa sensazione ci dice che ci dobbiamo allenare di più . È necessario trovare un modo per migliorare. In molti modi, rende la nostra ossessione più profonda.

Si tratta di una sorta di controllo della realtà. “Ehi , ci sono un sacco di altre persone forti là fuori . Meglio che torni ad allenarmi! ” Parlando per me, mi fa venire voglia di allenarmi di più, allenarmi più duramente e in fondo versare uno sforzo maggiore nel perfezionarsi.

Certo, ci sono altre cose nella vita che sono importanti. Per me la famiglia è più importante del powerlifting, ho altri obiettivi, altre aspirazioni e le altre priorità nella vita . Ma la forza non si preoccupa di nulla di tutto ciò.

E ‘troppo facile trovare delle scuse. Non sto parlando di scuse per non allenarsi, perché per le persone che leggono questo, non accade spesso. A tutti noi piace guardar male le altre persone, come quelli che non si impegnano. È facile guardare il guerriero del fine settimana che trova scuse per non andare in palestra . Ma non sto parlando di loro . Sto parlando di voi e di me . Sto parlando dei motivi che abbiamo . Fai un allenamento di merda o non riesci a ottenere progressi alla fine di un ciclo … perché?

Mike Tuchscherer alle prese con uno stacco da 360kg ai mondiali IPF, dove ha ottenuto un argento con 892.5 kg totali

“Non ho dormito molto questa settimana . ”
“Ho mangiato male”
“Il volume è stato troppo basso ”
“Sono stato malato”
“Sono stato infortunato ”

Ma la forza non si preoccupa di nulla di tutto ciò.

Non fermatevi perché avete difficoltà da affrontare. Alcuni motivi o tutti potrebbero essere più che validi perché una persona non riesca a progredire e ci potrebbe essere una buona ragione perché siete in difficoltà. Forse un ragazzo ha un nuovo bambino a casa ed è per questo che non riesce a riposare come vorrebbe.

Indovinate un po’… la forza non si preoccupa di nulla di tutto ciò! Non sto dicendo che non è una buona ragione. Nel caso dell’esempio precedente, si tratta di una dannata buona ragione, a mio parere. Ma sto dicendo che la forza è una insensibile [signora] e lei non si preoccupa di nient’altro che delle cose necessarie che fate o meno per ottenere progressi. E se questo è importante per voi, questa è la natura di ciò con cui avete a che fare.

La maggior parte di noi sono già marginalmente ossessionati dall’essere forti (alcuni più di altri) . Ma se siete come me e avete altre priorità nella vita troppo, allora va bene. Basta capire la visione completa del tutto. La forza non si preoccupa delle vostre priorità . E se vi preoccupate per la vostra forza, allora c’è un solo modo. Trovare un modo. Creare un modo. Allenatevi. Fate quello che dovete fare per vedere dei progressi . Altre priorità? Va bene. Ma è molto semplice: o fate quello che devi fare per migliorare o non lo fate.

Per me, il primo passo che dovete fare è avere una visione realistica di voi stessi. Certo, avete dei motivi per cui non avete fatto ciò che era necessario per migliorare, ma tutti hanno qualche motivo. Anche loro, le persone che non vanno direttamente in palestra. La cosa fondamentale è capire che si tratta semplice di fare ciò che è necessario .

Non si tratta di giudicarsi da soli, solo perché non fate ciò che è necessario non vuol dire che siate una persona cattiva, che non siate dediti al sacrificio o qualsiasi altra cosa . Non si tratta di dover battere se stessi o qualcosa di simile, è semplicemente un dato di fatto . Che si tratti di un bene o di un male tutto dipende da come lo si guarda . Ma indovinate un po’ una cosa … alla forza non importa come la si guardi. Non si tratta del fatto che le vostre ragioni siano valide o meno, si tratta semplicemente di portare a casa il lavoro che dovete fare. Quindi, se vi sentite male (o bene), scrollatevi di dosso tutto ciò che può provocarvi danni a lungo termine e non fatelo. Ci sarà sempre qualche momento in cui la Forza vi richiederà più di quanto non siate disposti a dare. Il modo migliore per affrontare questa situazione è quella di guardare onestamente a ciò che dovete fare per fare progressi rispetto a ciò cosa siete disposti a fare .

Questa cosa non è un auto-giudizio ed è difficile da fare per alcune persone perché non capiscono quanto sia importante. Noi naturalmente vogliamo vederci come eroi. Vogliamo pensare a noi stessi in modo positivo. Se inquadriamo questi motivi come “scuse” ci scopriremo inadatti all’ideale che abbiamo di noi stessi e ciò è doloroso per noi. Il dolore non è necessariamente una cosa negativa , ma ognuno ha dei limiti . Se vi siete inflitti una punizione sufficiente, poi alla fine inizierete a rompervi sotto la pressione – pressione che avrete messo voi stesso in base alle parole che avete deciso di utilizzare per giudicarvi.

È molto meglio vederlo come lo vede la Forza. Hai fatto ciò che era necessario ? Sì o no? Ok, allora la prossima volta fai ciò che è necessario. Tutto qui. Non deve essere uno sforzo emotivo .

E ‘ interessante che tutti noi riconosciamo quanto la nostra performance sia mentale, ma molti avranno saltato questo articolo perché non tratta della selezione degli esercizi o di serie e ripetizioni. Se si imparano a leggere i vari segnali che Forza vi manda e non sarete buttati fuori strada dalle vostre stesse emozioni, sarete più avanti dei vostri coetanei quando si tratterà di una questione di gioco mentale. E tutti noi dobbiamo ammettere che questo è un grande passo avanti quando si tratta di fare progressi nel gioco dell’allenamento della Forza.

FONTE
QUI potete trovare l’articolo in lingua originale

Annunci

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...